“Caldo” / LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA 


(LMO) Evoluzzion del latin CALĬDU(M). A segonda dei zone a gh’è dei mudament diferent, che in certi cas a pœuden fà capì el grado de conservativitaa o de inovazzion dei variant del lombard:
– in VERDON, la variant CAUD [kawt]/[kavt]/[kaft]: la banda pussee ocidental de la Lumellina, i paes a ovest e nord-est de Noara, la zona del Lagh d’Orta e de l’Ossola, la Leventina (Canton Tesin) e la Val Rendena. A ovest la se colega cont i varietaa del piemontes, a est inscambi con quei ladine (e con la parlada nonesa e solandra).
– in VERDESIN, la variant CAULD [kawlt]/[kawl]: i vai pussee a nord in de l’Ossola.
– in ROSS, la variant COLD [kɔ:lt]/[kolt]: tutt el Milanes, la Brianza e ‘l bass Varesott, el Comasch cont el Mendrisiott, el Leches, la Bergamasca cont el Cremasch, la pupart del Lodesan, la Valciavena e la Valtolina fina a Mazz, senza cuntà un para de comun de l’olta Lumellina (Cassœul, Zilavegna). 
– in SGIALD, la variant COD [kɔ:t], che gh’è in dei comun noares de Gajaa e Scian.
– in BLŒU, la variant CALD [ka:lt]/[ka:ld]: Bressa con Cremona e Mantoa, un toch del Treintin ocidental, l’olta Valtolina e Pos’ciav, squasi tutt el Canton Tesin, i rive del Lagh Magior, el Varesott, el Noares e la pupart de la Provincia de Pavia.
– in VIŒULA, la variant CAD [ka:d]/[kæ:d]: l’Oltrapò Paves e ‘l Piasentin. La se colega cont el genoes [ka:du].
– in RŒUSA, la variant CALD che l’ha ciapad el post de COLD per via de l’influenza de l’italian.
In general, el someja che “caud” (insema con “cauld”) a sia la variant pussee antiga, perchè la rivaria de la velarizazzion de L denanz a A, un mester che vedom anca in oltre lengue romanze: el frances, el romanc, el ladin, el sicilian; de lì, el pass sucessiv a l’è stad AU -> Ò, che l’è ‘l lavor che gh’è in de la banda central de la Lombardia (insema cont el “cod” del Volt Noares). In dei oltre zone, pensi, a gh’è stada domà una “restituzzion” de la veggia <l>.

(IT) Evoluzione del latino CALĬDU(M). A seconda delle zone ci sono dei cambiamenti diversi, che in certi casi possono far capire il grado di conservatività o innovazione del lombardo:
– in VERDE SCURO, la variante CAUD [kawt]/[kavt]/[kaft]: la zona più occidentale della Lomellina, i paesi a ovest e a nord-est di Novara, la zona del Lago d’Orta e dell’Ossola, la Leventina (Canton Ticino) e la Val Rendena. A ovest si collega con le varietà del piemontese, mentre a est con quelle ladine (e con la parlata delle Val di Non e Val di Sole).
– In VERDE CHIARO, la variante CAULD [kawlt]/[kawl]: le valli ossolane più settentrionali
– in ROSSO, la variante COLD [kɔ:lt]/[kolt]: tutto il Milanese, la Brianza e il Basso Varesotto, il Comasco col Mendrisiotto, il Lecchese, la Bergamasca e il Cremasco, la maggior parte del Lodigiano, la Valchiavenna e la Valtellina fino a Mazzo, oltre a un paio di comuni dell’alta Lomellina (Cassolnovo, Cilavegna).
– in GIALLO la variante COD [kɔ:t], presente nei comuni novaresi di Galliate e Sizzano.
– in BLU, la variante CALD [ka:lt]/[ka:ld]: Brescia con Cremona e Mantova, una parte del Trentino occidentale, l’alta Valtellina e Poschiavo, quasi tutto il Canton Ticino, le sponde del Lago Maggiore il Varesotto, il Novarese e quasi tutta la Provincia di Pavia.
– in VIOLA, la variante CAD [ka:t]/[ka:d]: l’Oltrepò Pavese e il Piacentino. Si collega al genovese [‘ka:du].
– in ROSA, la variante CALD che ha sosituito COLD per via dell’influenza dell’italiano.
In generale pare che”caud” (con “cauld”) sia la variante più antica, perché arriverebbe dalla velarizzazione di L davanti ad A, un fenomeno che vediamo anche in altre lingue romanze: francese, romancio, ladino, siciliano; da lì il passo successivo è AU -> Ò, cioè quello presente nella porzione centrale della Lombardia (e nella variante “cod” dell’Alto Novarese). Nelle altre zone, penso, c’è stata soltanto la “restituzione” dell’antica <l>.

Annunci

“Evoluzione del latino – OLU” / LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA 


(LMO) Evoluzzion del latin -OLU. In general, in lombard ocidental (fœura che in del Lodesan, in la Valtolina, in la Valsasna, e in d’una quai vall del Tesin e de l’Ossola), parolle ‘me “fiœul, bilœul, cagnœul” a vegnen prononziade senza la <l> final, donca [fjø:], [bi’rø:], [ka’ɲø:]. Fa ecezzion domà ‘na quai parolla ‘me “sœul” (in lombard ocidental: [sø:l], [sø:r]). Quell lavor chì a gh’è anca in piasentin, in genoves e in del piemontes oriental (verzelles, valsesian…).
Inscambi, in del lombard oriental, inscì ‘me in venezzian, in emilian e in del piemontes ocidental, la <l> final la se sent, e donca a g’hem una prononzia compagna de [fjøl], [bi’løl], [ka’ɲøl].

(IT) Evoluzione del latino -OLU. In generale, in lombardo occidentale (tranne nel Lodigiano, in Valtellina, in Valsassina e in qualche valle del Ticino e dell’Ossola) parole come “fiœul, bilœul, cagnœul” (figlio, pulcino, cagnolino) vengono pronunciate senza <l> finale, dunque [fjø:], [bi’rø:], [ka’ɲø:]. Fa eccezione solo qualche parola come “sœul” (cioè “suolo”; in lombardo occidentale: [sø:l], [sø:r]). Questo fenomeno c’è anche in piacentino, genovese e nel piemontese orientale (vercellese, valsesiano…).
Invece, in lombardo orientale, così come in veneto, emiliano e piemontese occidentale, la <l> finale si sente, e dunque abbiamo una pronuncia simile a [fjøl], [bi’løl], [ka’ɲøl].

L’ultima strega, in Svizzera l’ultima donna giustiziata per “stregoneria” 

Condannata a morte all’età di quarantotto anni, Anna Goeldi fu decapitata sulla piazza di Glarona, capoluogo dell’omonimo cantone, il 13 giugno 1782 con l’accusa di stregoneria e fu l’ultima cosiddetta “strega” a essere giustiziata in Europa. 

Sul finire del secolo ventesimo lo storico personaggio è balzato all’attenzione popolare attraverso il romanzo di Eveline Hasler.

Anna Goeldi, personaggio storico vissuto alla fine del ‘700, fu condannata per stregoneria anche se in pieno illuminismo. Il 27 agosto 2008, a più di 226 anni dall’esecuzione, il parlamento cantonale di Glarona si è pronunciato per la riabilitazione di Anna Goeldi. 
 

L’ultima strega. Di Eveline Hasler, pubblicato da Dadò.



“i verbi riflessivi” / LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA 


(LMO) In la pupart dei variant de la lengua lombarda la formazzion del verb riflessiv a l’infinid la se fa compagn de l’italian, donca cont el metter el pronom personale dopo del verb: donca a g’hem, per esempi, ”tiratt”, ”lavass”, ”portamm”, e via inscì. Ma l’è minga inscì indepertutt: in dei comun de Pos’ciav, Brus, Bregaja, Villa de Ciavena (e forsi anca Piur?) a g’hem una forma pussee vesina al modell romanc, ladin, e anca frances e sardegnœul, con scià el pronom prima de l’infinid: in dei dialett de quei paes lì, de fatt, se dis “te tirà”, “se lavà”, “me portà”. El saria bell savé se un temp quell modell chì el fuss pussee spantegad, per pœu retirass denanz a dei inovazzion pussee moderne rivade de la pianura.

(IT) Nella maggior parte delle varianti del lombardo la formazione dei verbi riflessivi all’infinito si fa come in italiano, dunque mettendo il pronome dopo il verbo: quindi abbiamo, per esempio, “tiratt, lavass, portamm” (tirarti, lavarsi, portarmi), e così via. Ma non è così dappertutto: nei comuni di Poschiavo, Brusio, Bregaglia, Villa di Chiavenna (e forse anche Piuro?) abbiamo una forma più vicina al modello romancio, ladino e anche francese e sardo, con il pronome prima dell’infinito: nei dialetti di quei paesi, infatti, si dice “te tirà”, “se lavà”, “me portà”. Sarebbe bello sapere se un tempo questo modello fosse più diffuso, per poi ritirarsi davanti alle innovazioni più moderne arrivate dalla pianura.

*LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA