“La formazione del plurale” / LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA 

(LMO) Vuna dei catareristeghe morfologiche pussee interessant del milanes a l’è la formazzion del plural de tanti diminutiv in -IN: defatti al plural a ciapen el sufiss -ITT: per esempi “polesin -> polesitt”, “piscinin -> piscinitt”, e via inscì. Un temp a l’era el plural metafonetegh de -ETT (per esempi “veggett -> veggitt”), ma cont el passà del temp el g’ha avud ‘sta evoluzzion. Ma l’è un lavor che se dopera domà a Milan? A vardà ben, a l’è ben pussee spantegad: el trœuvom in tutt la Brianza, in del bass Comasch e a Com, in del Varesott, in del Canton Tesin, in del Noares (ma minga a Noara) e in de l’Ossola; el manca, inveci, in de la Bassa milanesa, in del Paves, in del Lodesan, in sul Lagh de Com, in Valtelina, naturalment, in tutt la Lombardia oriental. Per via del sò “spostament de plural”, inscì particolar, a credi che la sia stada un’inovazzion putost recenta e nassuda a Milan, che pœu la s’è spantegada in part de la lombardofonia.

Per orientass in de la cartina: el ross ciar e ‘l celest a inn i zone indè che pœudi domà fà dei ipotesi.

(IT) Una delle caratteristiche morfologiche più interessanti del milanese è la formazione del plurale di tanti diminutivi in -IN: infatti al plurale prendono il suffisso -ITT: per esempio “polesin, -itt” (pulcino/i), “piscinin, -itt” (piccino/i), eccetera. Un tempo era il plurale metafonetico di -ETT (per esempio “veggett, -itt”, vecchietto/i), ma col passare del tempo ha avuto quest’evoluzione. Ma è un fenomeno che c’è solo a Milano. A guardar bene, è molto più diffuso: lo troviamo in tutta la Brianza, nel basso Comasco e a Como, nel Varesotto, nel Canton Ticino, nel Novarese (ma non a Novara) e nell’Ossola: manca invece nella Bassa milanese, nel Pavese, nel Lodigiano, sul Lago di Como, in Valtellina e, naturalmente, in tutta la Lombardia orientale. A causa del suo “spostamento di plurale” così peculiare, credo che sia stata un’innovazione milanese piuttosto recente e nata a Milano, che poi s’è diffusa in parte della Lombardofonia. 

Per orientarsi nella cartina: il rosso chiaro e l’azzurro sono le zone dove posso fare solo delle ipotesi.

*Pubblicato originaroamente su “LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...