“I nomi del granoturco” / LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA 

(LMO) I nom del formenton in gir per la Lombardofonia. In general, ancamò ‘na vœulta se ved comè i confin storegh e religios i hann condizzionad anca la lengua: se ved comè che “formenton” a l’è spantegad in d’un bell toch de la diocesi de Milan, “carlon” in quella comasca, “melga” in quella noaresa e pavesa, “melgott” in quei de Bergom e Cremona. In ‘sto cas però el quader l’è pussee complicad: bastaria vedé la situazzion milanesa, indè che, arent a “formenton”, a gh’è anca “mel(e)gon”, per esempi in de la campagna a ovest de la citaa.

(IT) I nomi del granoturco in giro per la Lombardofonia. In generale, ancora una volta si vede come i confini storici e religiosi hanno condizionato anche la lingua: si vede come “formenton” è diffuso in un’ampia parte della diocesi di Milano, “carlon” in quella comasca, “melga” in quella novarese e pavese, “melgott” in quelle di Bergamo e Cremona. In questo caso però il quadro è più complesso: basta vedere la situazione milanese, dove, accanto a “formenton”, c’è anche “mel(e)gon”, per esempio nella campagna a ovest della città.

*originariamente pubblicato su “LA GEOGRAFIA DE LA LENGUA LOMBARDA”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...