Heimatland: la Svizzera non esiste più 

Incominciamo col dire che Heimatland non è la classica operazione condotta dall’alto per cavalcare il “best of”, che di norma si traduce in insipidi film a episodi. Il film è un progetto molto ambizioso e promettente che si compatta attorno a un’idea semplice e dall’evidente sapore politico. 

Proseguiamo col dire che Heimatland è il frutto della collaborazione tra una generazione di registi e produttori – tutti molto giovani – che hanno voluto comporre un racconto a più voci con l’obiettivo di scuotere la Svizzera dallo stato di torpore in cui si trova. E questo è un bel segnale che va salutato e sostenuto.
Venendo al modo in cui il film articola il suo discorso, va detto che la distopia proposta ha dei tratti che non sarebbero dispiaciuti a Philip K. Dick. La grossa nube, che come una spada di Damocle si addensa sulla Svizzera e che impone alla società un ripensamento delle proprie convinzioni, è un’idea tanto improbabile quanto felice. Come se fosse l’incipit di uno scenario di fantascienza, il film raccorda diverse traiettorie tutte unite dal rapporto con la situazione di emergenza.

Il principio sta nell’effettuare il passaggio dalla visione di una società, confrontata con la necessità di fornire risposte al diluvio che sta per investire il paese, allo sguardo intimo nella psiche di ogni personaggio, a mostrare come questi sia influenzato dal cataclisma.
Realtà e sogni, incubi e azioni si mescolano senza soluzione di continuità. Molto più che un film socio-politico, Heimatland si offre come la radiografia di un paese, letto in quelle linee di fondo che investono gli individui e inducono radicali cambiamenti prima che sia troppo tardi.

*originariamente pubblicato su pardolive.ch



TRAMA:

È autunno e in Svizzera comincia a fare freddo. Una nube inesplicabile appare all’improvviso sopra al paese. Gli esperti non sanno spiegarne l’origine, ma ne constatano la crescita costante e capiscono che è solo questione di tempo prima che si scarichi. Fuori l’aria è immobile, ma la nuvola rimane sospesa sopra la Svizzera come una spada di Damocle. Le persone reagiscono in vari modi alla tempesta imminente: c’è chi la ignora e chi si barrica in casa. Altri ancora festeggiano la fine del mondo. Ma questa attesa ha anche un effetto unificatore, che mette a nudo i veri bisogni, le paure e le speranze delle persone


UN FILM DI:

Lisa Blatter, Gregor Frei, Jan Gassmann, Benny Jaberg, Carmen Jaquier, Michael Krummenacher, Jonas Meier, Tobias Nölle, Lionel Rupp, Mike Scheiwiller, Svizzera/Germania, 2015, 99′

con Peter Jecklin, Julia Glaus, Issaka Sawadogo

 

TRAILER:

LINK:

http://www.movies.ch/it/film/heimatland/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...