Il sogno irredentista del TICINO

Fonte: Partito Socialista Svizzero, Sezione Sonvico-Dino 

Il periodico “L’Àdula” e la battaglia per la difesa dell’italianità 

di Francesco Mannoni

In occasione del bicentenario della nascita del cantone svizzero-italiano, un giovane studioso milanese, Ferdinando Crespi, ha ricostruito con rigore i retroscena dell’irredentismo italo-svizzero, in un saggio di grande respiro: Ticino irredento. 

Dalla frontiera contesa alla battaglia culturale dell’Adula, il battagliero periodico. che promuoveva l’ideologIa e l’azIone, emerge una pagina di storia in parte sconosciuta, ricca di quel patos che stratifica nel tempo le ragioni inalienabili della democrazia e della libertà. 

Chiediamo a Crespi quale fu il vero ruolo dell’ Adula nel contrasto tra italianità e spirito elvetico, e come lo alimentò? 

«Quello dell’Àdula – spiega – fu senz’altro un ruolo da protagonista. Il periodico ticinese nacque per una serie di circostanze fortuite, tutte riconducibili ai contrasti storici tra l’identità nazionale svizzera e la specificità cantonale. Nacque nell’estate del 1912, e concluse le pubblicazioni nell’estate del 1935, sempre, per certi versi, per caso, ma la sua esistenza fu alimentata da oggettive necessità contrastanti: l’Adula fu il tentativo organico di difendere le caratteristiche più profonde delle terre ticinesi prima, della Svizzera italiana poi (Grigioni e Vallese compresi), caratteristiche date da una prevalenza cattolica, rurale, periferica e di derivazione etnica lombarda, insubrica, italiana, latina in genere». 

Che cosa intendeva difendere l’attività dell’Àdula?

Ciò che il periodico mirava a difendere, era il sostrato profondo di una zona di confine la cui linea di demarcazione settentrionale, così riteneva, stava scomparendo a discapito di quella meridionale con l’Italia, che era e doveva rimanere trasparente – non religiosa, non culturale, non linguistica, né geografica. L’osmosi con il resto della Confederazione era percepita dal periodico, e certo non dalla sua sola redazione, come forzato, come contro natura: i ticinesi erano lombardi, e i poli d’attrazione dovevano essere le ampie pianure padane, i laghi lombardi, il Duomo di Milano, Dante, non certo il mito di Guglielmo Tell, Uri, Svitto, il diritto germanico. Unico intento, molteplici obiettivi: polemica anti-federale, difesa territoriale e risveglio della coscienza popolare; anche perché, questo è innegabile, gli svizzeri interni residenti nel Ticino erano sempre più numerosi, ricchi e in certo modo protetti da Berna. Allora si diceva “intedeschimento”.

Il giornale di Bellinzona, che per più di vent’anni operò in difesa dell’identità italiana, ticinese e svizzera, perché chiuse le sue pubblicazioni? A causa dell’arresto degli adulani? Che cosa era venuto a mancare al suo assetto da combattimento?

Il giornale chiuse i battenti nell’estate del 1935, quando le autorità svizzere arrestarono i protagonisti della battaglia per i presunti sottesi irredentisti della loro attività. Occorre dire che quello dell’irredentismo fu uno spettro agitato dalle autorità elvetiche sin dalla nascita del giornale per sancirne la chiusura. Non si può parlare di persecuzione antiaduliana, ma certo a Berna non andarono troppo per il sottile nella vicenda. Non a caso, il linguaggio dell’Àdula si fece nel tempo più duro, polemico e aspro nei confronti delle istituzioni svizzere; non a caso, il sottotitolo del periodico mutò nel tempo: da organo svizzero di cultura italiana, a organo ticinese di cultura italiana. Poi divenne organo retico – ticinese di cultura italiana. Il giornale dell’italianità, insomma, era alla costante ricerca di una propria fisionomia, in contrasto con le attese e le esigenze della capitale. Dopo una guerra politica e burocratica durata oltre vent’anni, un conflitto talvolta ai limiti della legittimità e della legalità, a Palazzo federale furono ben contenti di porre la parola “fine” all’avventura – perché di questo si trattò – del periodico. 

C’erano state evoluzioni di tipo politico nella linea del giornale? 

Il periodico, malgrado i propositi iniziali, non riuscì a diventare l’espressione più vera e sincera della coscienza ticinese, avvicinandosi sempre più, e poi appiattendosi, alle posizioni fasciste: affascinati dalla propaganda dal regime, diversi collaboratori filtrarono molto di ciò che stava accadendo attraverso la lente fascista che tutto oscurava, ingrandiva e deformava a piacimento. L’equivoco che si consumò nella redazione aduliana fu di non comprendere l’ostilità che certe provocazioni e continue lamentele suscitavano tra la gran parte della popolazione cantonale, per lo più lontane dall’idea fascista e dal suo concetto fortemente politico d’italianità. E dalla sua violenza.

Il caso, che assunse proporzioni internazionali intrecciando strettamente cultura e politica, in che modo coinvolse personaggi del calibro di Prezzolini, D’ Annunzio e altri?

La questione aduliana rientra in un ampio reticolo di questioni europee a quel tempo aperte e in discussione. Quando il giornale esce per la prima volta, l’Europa è in gran fermento: i quattro grandi imperi si scambiano colpi di fioretto lungo i confini del vecchio continente. Poi scoppia la guerra, e guardiamo la cartina geografica: Impero germanico, Francia, Regno d’Italia e Impero austro-ungarico sono in guerra. In mezzo a questa polveriera c’è la Svizzera, abitata da popolazione francese, italiana e, sopratutto, tedesca. Gli irredentlsmi, le rivendicazioni territoriali e le spinte autonomiste sono parte integrante dei motivi che portano al conflitto. La Svizzera viene percorsa orizzontalmente e verticalmente da queste ondate, e il popolo distribuisce le proprie simpatie ai belligeranti. Per evitare un avvicinamento eccessivo all’Italia, Berna fa occupare militarmente il cantone e si sovrappone in molte occasioni alle autorità locali: la situazione è sorprendente, da una parte le simpatie e gli applausi alle stazioni ferroviarie al passaggio dei feriti italiani, le armi dell’esercito svizzero dall’altra, esercito che impartiva ordini e garantiva ordine in tedesco. La guerra finisce, e i territori attorno alla Confederazione e agli ex belligeranti diventano pedine di scambio, aumentando il fermento dei movimenti separatisti. Prezzolini è un po’ il nume tutelare dell’Àdula, nel primo decennio di vita del giornale, dà consigli, dedica articoli da articoli da La Voce, ispira interventi, porta in Italia i contenuti ideali, spirituali e culturali dell’Adula. Il testimone è idealmente raccolto, pur per breve tempo, dal Vate. 

In che modo operò D’ Annunzio?

D’Annunzio manda un proclama altisonante al popolo ticinese proprio da Fiume appena redenta. La sottile linea divisoria tra spinte e rivendicazioni autonomiste locali e venature irredentiste s’incrina e si sfuma: ne nasce un putiferio. E questo impressiona Mussolini, il suo giornale, il suo entourage, tanto da portare la questione ticinese in Parlamento prima, a Palazzo Chigi poi fino a Salò. 

Chi furono i protagonisti dell’irredentismo italo svizzero e come e perché maturò questa posizione politica?

Scarterei la direttrice dell’Àdula, italianista sin nelle ossa, ma perplessa sul discorso propagandistico e militare. La condirettrice, Rosa Colombi, fu certamente più accesa, e partecipò a molte iniziative provocatorie filo-irredentiste. E sposò Piero Parini, nazionalista, fascista, potentissimo funzionario del regime. Potrei citare nomi legati al fascismo comasco, varesino, valtellinese, tanto per stare lungo il confine conteso. Per tagliar corto, tra i vari, direi che il vero riferimento dell’irredentismo fu Aurelio Garobbio, ticinese di nascita ma milanese di adozione. Lui fu il regista di tutta la propaganda anticonfederale da metà anni Trenta alla fine del conflitto, in continua fuga dalle SS, che tentarono di deportarlo, per via della sua visione antitedesca: Grande studioso di geopolitica, strategia, cultura e letteratura, fu il trait d’union tra i circoli irredentisti svizzeri, maltesi, corsi. Fu confidente personale di Mussolini sino a pochi giorni dai fatti di Giulino di Mezzegra, tanto da elaborare di persona con lui le ultimissime strategie di difesa, siamo al 1945, in Valtellina: chiuderla dal Fuentes verso nord, aprirsi un varco allo Stelvio, ridare vigore alle postazioni di Oga. Pensare che lì dietro, dietro le “Termopili italiane”, c’era la Svizzera, la cui neutralità, tanto criticata, risultò fondamentale per questo piano. Che mai avvenne. 

Chi studiò i piani d’invasione? Cosa prevedevano?

L’Italia, con la dichiarazione di guerra alla Francia e alla Gran Bretagna, elaborò, il 10 giugno 1940, il Piano Vercellino, stilato sulle direttive del generale Roatta, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito: si prevedeva l’attacco alla Svizzera di cinque divisioni nelle direttrici dei passi alpini nel saliente ticinese, presumendo tra l’altro una resistenza puramente formale del governo e dell’esercito elvetico. Due mesi dopo, il 12 agosto, dopo l’attacco del Regno alla Francia, fu elaborato un nuovo piano, il Piano Tannenbaum, d’invasione simultanea da nord (Germania) e da sud che prevedeva una soluzione radicale (spartizione della Svizzera alla Catena Mediana, patrocinata da Garobbio) e una minima (una salita italiana fino allo spartiacque alpino – in conformità con le correnti irredentiste più moderate -, il mantenimento della Svizzera alla quale sarebbe andata l’alta Savoia e alla quale, però, sarebbero state levate alcune enclaves a favore della Germani e della Francia). 

Il Nuovo Ordine Europeo si fondava su motivazioni di carattere strategico, qual era l’attraversamento del territorio; territoriali: attrazione di popolazioni etnicamente compatibili; militari: utilizzo di uomini ed economie locali per il consolidamento del Neue Ordnung. La preparazione di questi disegni passava per due momenti: il primo consisteva in una massiccia propaganda, nell’allestimento di una solida rete di spionaggio, nell’affermazione di ragioni profonde culturali di omogeneità, nella preparazione di documentazione letteraria e scientifica ad hoc. Il secondo momento, più vicino alI’invasione, si preparava con l’infiltrazione di uomini di fiducia nei gangli di alcuni apparati strategici politico-istituzionali e sostenendo la formazione di organizzazioni politiche favorevoli e compiacenti a direttive imposte (fasci locali e, ancor più, fronti nazisti nella Svizzera tedesca). I presupposti c’erano tutti.

Se vogliamo, il percorso verso queste soluzioni è lineare: c’è una battaglia culturale negli anni Dieci e Venti; questa poi si tinge di colore politico, nero, e garantisce ampia eco e protezione. La Svizzera non può tollerare che uno Stato intervenga nella, gestione degli equilibri interni: la Svizzera è una, sola e indivisibile, e chi pone in discussione quest’accezione, va censurato. Le scaramucce culturali e politiche si estremizzano, il linguaggio diventa più esplicito, violento, irriverente all’interno di un quadro continentale in progressiva ebollizione. Alcuni italianisti tra i più accesi si creano una visione d’insieme nuova rispetto al recente passato, e sono soprattutto i giovani, tradizionalmente spavaldi e corteggiatissimi dalla propaganda fascista. Questi si allontanano dal giornale, perché comprendono che la battaglia culturale diventa sterile: saranno le armi, a breve, a decretare quale modello avrà la meglio. Il percorso è limpido, e neppure campato per aria: il senso c’è, di là dai giudizi e i commenti.


LINK

http://sezioni.ps-ticino.ch/sonvico/mondo/pubblicazioni/Crespi,Ticino%20irredento04.htm

Annunci

2 comments

  1. Emilio Ferro · giugno 6, 2016

    Questa vicenda storica m’incuriosisce e mi appassiona!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...