Snowpiercer: una metafora per comprendere “i meccanismi sociali”

di Alessandro Antinori

Presentato fuori concorso al Festival di Roma del 2013, Snowpiercer è una potente e visionaria metafora sociologica di fantascienza distopica. Il treno è il mondo e i passeggeri l’umanità sopravvissuta, un microcosmo della società con i conflitti e le divisioni di classe che la caratterizzano, i poveri in coda e i ricchi in testa. Riflessioni sociologiche sull’ordine prestabilito, violenza, azione e ironia si alternano nel film più costoso della storia del cinema coreano.


Come un treno

1 Luglio 2014. Il mondo ha oramai i giorni contati a causa del surriscaldamento globale. I grandi della terra optano per una soluzione drastica, l’utilizzo del CW7, una sostanza che sparsa nell’atmosfera porrà fine al processo del global warming. L’esperimento fallisce e le conseguenze sono disastrose, una vera e propria nuova era glaciale stermina tutti gli abitanti della terra seppellendo il mondo in una tomba di ghiaccio e neve. 2031, l’unico residuo di umanità sopravvissuta è rappresentato dai passeggeri dello Snowpiercer, un treno ad alta velocità che da 17 anni gira intorno al mondo con un percorso circolare che dura esattamente un anno, alimentato da un motore rivoluzionario e inarrestabile che fornisce energia in moto perpetuo. Il treno è un microcosmo della società umana ed è diviso in classi sociali, con i poveri relegati con la forza nelle ultime carrozze, malnutriti e derelitti, mentre i ricchi alloggiano nei vagoni anteriori, e vivono nel lusso e negli agi. Gli equilibri sono estremamente delicati e la rivolta sociale è dietro l’angolo, pronta a sfociare nell’ennesima rivoluzione quando quando i poveri dei vagoni di coda troveranno in Curtis (Chris Evans) il leader che aspettavano per guidarli fino alla testa del treno, alla Sacra locomotiva, dove risiede il fantomatico Wilford (Ed Harris), inventore del treno e detentore del potere. 


TRAILER:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...