Insubria: confini da teste di cazzo…

 di Luciano Milan Danti 


I confini “interni” dell’Insubria 
 

…Che fantasia vedere un confine e quindi “due paesi diversi” come se si parlasse di Italia e Germania…

invece siamo lo stesso territorio, abbiamo la stessa lingua e gli stessi cognomi, stesso tutto…spesso anche la testa di cazzo, “testa di cazzo” dei cittadini e in particolare dei politici e di quelli che si fanno i fatti propri (valigette alla mano) a scapito degli altri (cosa che giustifica la dogana, e la rende, per loro, di “vitale importanza”), 

… senza vedere il nostro immenso potenziale… se fossimo uniti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...