Però l’insalata “ci fa paura” solo da “Černobyl via”

di Luciano Milan Danti 

Lavare l’insalata prima del consumo! Una frase che diventò l’emblema di un disastro nucleare, in gran parte dell’Europa, nei giorni e nelle settimane successive al disastro di Chernobyl. Alla radio e TV si diceva che il solo lavaggio non era sufficiente, ma occorreva un’abrasione mediante strofinatura per rimuovere le sostanze radioattive.

Che tristi ricordi… però, una “constatazioneriflessioneironia” sorge spontanea:

in passato, prima di Chernobyl, mai nessuno disse alla popolazione “di lavare l’insalata” dopo i più svariati “test nucleari” (noti) avvenuti in tutto il Mondo. 
Senza “scrivere troppo”, e con questa “breve riflessione”, vi faccio notare questo “test” (uno dei tanti, ma famoso per essere “il più potente mai realizzato”)

L’ordigno nucleare “Tsar” fu costruito in Unione Sovietica, grazie ad un progetto di un gruppo di fisici guidati da Andrej Sacharov e fu fatta esplodere il 30 Ottobre 1961 sull’isola di Novaja Zemlja a nord del Circolo Polare Artico. 

Liberò una potenza di 50 Megatoni pari a 3125 volte la potenza di “Little boy“, la bomba sganciata su Hiroshima il 6 Agosto 1945.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...