SOPRACENERI E SOTTOCENERI: due zone ben distinte di cultura lombarda “annesse in un cantone SVIZZERO”.

.
  

I sopracenerini ed i sottocenerini sono “quelli che stanno dal passo del Monte Ceneri in su”, e rispettivamente “dal passo del Monte Ceneri in giù”, sempre all’interno dei “confini ticinesi”.
Il passo del Monte Ceneri è un valico alpino che divide il Canton Ticino nelle due principali regioni, appunto il Sopraceneri e Sottoceneri. 

Dal punto di vista orografico il passo separa le Prealpi Varesine (ad ovest) dalle Prealpi Comasche (ad est). 
Il passo è facilmente valicabile percorrendo la strada cantonale, l’autostrada e la linea ferroviaria.



IL SOPRACENERI 

Si indica con Sopraceneri la parte di territorio del Canton Ticino posta a nord del passo del Monte Ceneri. Costituisce la parte Alpina del cantone. Questa regione non ha un riferimento politico o amministrativo ma segna una differenza nella parlata dialettale e in alcune antiche e recenti peculiarità architettoniche rispetto al Sottoceneri.
Il Sopraceneri e costituito dalle vallate formate dal fiume Ticino e suoi affluenti fino al lago Maggiore, da quelle formate dal fiume Maggia e suoi affluenti e dalla Valle Verzasca.
Il comune di Isone che orograficamente è situato nel Sottoceneri, per strette relazioni di parentela e storiche, con i comuni sopracenerini di Robasacco e Camorino, si considera pure parte del Sopraceneri. Con l’aggettivo sopracenerino vengono indicati sia luoghi di questo territorio che persone provenienti dalle stesse. 



IL SOTTOCENERI 

Il Sottoceneri è la regione del Canton Ticino posta a sud del passo del Monte Ceneri. Questa regione più piccola territorialmente rispetto al Sopraceneri è però più abitata.
L’orografia prealpina ha favorito insediamenti e sfruttamento più intensivo del territorio. Grazie a centri quali Lugano, Mendrisio e Chiasso, rinomate piazze finanziari, è anche il polo economico del Canton Ticino.



Il passo del Monte Ceneri rappresenta dunque una linea di confine interna al Cantone Ticino che “ha dato il risultato” di due zone ben distinte del Cantone italiano della confederazione.

Riassumendo brevemente e prendendo ispirazione da “Wikipedia”, alla voce “lingua lombarda”, si possono tracciare “le naturali” estensioni culturali del Sopraceneri e del Sottoceneri. Allora, secondo il consiglio d’Europa che nel 1981 ha riconosciuto il lombardo come “lingua minoritaria” (Rapporto 4745 del Consiglio d’Europa, inoltre lingua  censita dall’UNESCO “Red book on endangered languages”) le “naturali estensioni” sono queste dalla cartina in basso: 

  

Si potrebbe dire sommariamente che il Sopraceneri è legato al Moesano, all’Ossola ed alla Valle Cannobina , mentre il Sottoceneri è legato a Como, ma ambo i due lembi a nord e sud del passo sono “riuniti” in un cantone svizzero.

E per affermare questo, vediamo nel dettaglio la cartina della “LINGUA LOMBARDA” (accompagnandola con il link):

  (“La mappa del dialetto lombardo occidentale”, link: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Dialetto_lombardo_occidentale)

 

Dopo una “breve sintesi”, ecco l’articolo di Matteo Caratti (così, giusto per dare un tocco di quotidianità nostrana)

 

QUEL MONTE NEL MEZZO 

Il Monte Ceneri, come del resto il massiccio del Gottardo, è per noi ticinesi il simbolo di tante distinzioni e differenze. Lo è stato nella storia, quando fra Sopra- e Sottoceneri si sono consumate dispute nell’aggiudicazione della sede della capitale del cantone, dapprima itinerante, e poi fissata a Bellinzona; lo è nella conformazione geologica delle terre e delle montagne (alpine al nord e più collinari a sud) che ci circondano, sorte su due placche continentali distinte. Una conformazione che ha di certo prodotto riflessi anche nella diversità dei nostri costumi e caratteri; lo è stato dal punto di vista edilizio, con un Sopraceneri che ha utilizzato molto di più la pietra, integrando le costruzioni nel territorio, mentre a sud andava già più di moda l’uso del mattone; lo è stato, di recente, dal punto di vista delle sensibilità politiche e sociali, con una piazza finanziaria e un tipo di commerci che hanno fatto del Luganese e (in parte) del Mendrisiotto aree più ricche e aperte verso sud, mentre nel Sopraceneri si è guardato più naturalmente a nord. Lo è ancora oggi nelle rivalità sportive… Sono tante, a ben guardare, le differenze che hanno marcato chi qui vive, per il fatto di appartenere ad una o all’altra zona geografica del cantone (ben evidenziate ieri a ‘Modem’), con nel mezzo a dividerle (e a dividerci) il Monte Ceneri. Ora, con la festosa caduta del diaframma, dopo quello sotto il massiccio del San Gottardo (avvenuto nell’ottobre del 2010), le nostre distanze si accorceranno ancor più. Per tutti noi, grazie alla galleria di base fra Erstfeld e Biasca, sarà più facile sentirsi meno subalpini e, al nostro interno, sarà più facile spostarci da una città all’altra. Con la ferrovia, divenuta metrò, sarà questione di una manciata di minuti. Si potrà quindi più facilmente vivere in un luogo e lavorare in un altro, senza temere le infernali colonne stradali. Anche le nostre differenze – fra Ticino e il resto della Svizzera e fra Sopra- e Sottoceneri – saranno meno evidenti? A ben guardare il trend è già in atto da alcuni anni. Accelerato dalle aggregazioni di valle e urbane, che hanno cancellato un certo numero di Comuni politici, allargandone i confini e mischiando le appartenenze. Anche gli importanti recenti investimenti nel mattone stanno contribuendo a cambiare e, in certi casi, a stravolgere il paesaggio che abbiamo sotto i nostri occhi. Le persone, che stanno occupando i nuovi immobili, perlopiù di lusso e spuntati come funghi, spesso vengono da via e, lentamente, il tessuto sociale cambia pelle dall’interno. Allo stesso modo anche la nuova via ferrata darà il suo contributo al nostro cambiamento, abbassando il Ceneri. Ma quest’opera, come detto, non fa altro che aggiungersi ad altre importanti sfide, che volenti o nolenti dovremo affrontare. Si tratta dunque di un’ulteriore occasione da cogliere e, soprattutto, da gestire, tenendo conto che uno dei beni più preziosi che abbiamo, e che sta consumandosi come la neve (che non c’è) al sole, si chiama territorio. Si tratta di un bene non infinito, che oggi è capace di attrarre tanti investimenti e persone, perché garantisce una qualità di vita alta. Rendiamoci conto che le nuove decise e crescenti spinte che lo stanno ora sollecitando, lo possono anche irrimediabilmente compromettere. Livellandoci tutti, sopra- e sottocenerini, e facendoci assomigliare a che cosa? A una nuova anonima periferia di Milano. Se vogliamo invece – eccome se lo vogliamo! – rimanere noi artefici del nostro futuro e non desideriamo gettare alle ortiche quanto c’è di buono nel nostro essere svizzeri e ticinesi, dobbiamo avviare una sana riflessione sugli impatti che queste scommesse stanno avendo e avranno. Non di solo cemento armato vive l’uomo. Di oggi e anche di domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...