BOCCIATA L’INIZIATIVA PUBBLICITARIA-PROPAGANDISTCA UDC

di Luciano Milan Danti 

  

L’iniziativa pubblicitaria-propagandistica UDC per l’espulsione dei criminali stranieri è stata bocciata dal 59% della popolazione dello Stato svizzero. Una sconfitta per i “folli nazionalisti di carta” che hanno per la Svizzera lo stesso amore che un Hooligans nutre per la sua squadra, un amore con nessuna cultura storica e sociale per questo Paese che, nonostante non sia “tra quelli con la coscienza pulita” (riciclaggi internazionali, patria dei “forfettari fiscali”, ecc ecc), pone le sue basi su di una Costuzione illuminista tra le migliori al mondo.

Quindi non mi stupisce che l’UDC abbia proposto qualcosa di irrealizzabile per prendere voti, anche in ottica futura, dove queste iniziative agli occhi dei “nazionalisti di carta”, sono una sorta di droga degenerata che fa venire loro le farfalle alla pancia; altra dimostrazione che “i veri valori svizzeri” (ammetto che mi fa schifo scriverlo, ma per motivi personali), cioè quelli di uno Stato nato da una guerra civile che una volta unito ha creato una Costituzione (1848) che almeno in teoria mette al centro  valori e diritti come la “democrazia diretta”, sono sconosciuti agli “UDICINI”.

In Ticino l’iniziativa UDC ha riscosso molto successo (oltre il 60% di consensi); con tutta la sua buffa stranezza, sì perché il defunto leader di quella cosa che in TICINO si chiama “destra” (una destra che fa ridere tutta l’Europa, che sia essa schierata a destra o a sinistra) fu condannato più volte per detenzione di stupefacenti, assunzione in nero di mano d’opera extra comunitaria, ecc ecc… E se non vado errato, il defunto leader di questa “destra”, non poteva nemmeno “mettere piede” nel territorio della Repubblica italiana, perché altrimenti sarebbe stato immediatamente arrestato per crimini che adesso non ricordo bene, ma che ci possiamo facilmente immaginare. Alla faccia del “crimimale straniero”… .

  

Ma da un lato, per “dare giudizio al voto ticinese” basta guardare il livello (anche solo su qualsiasi “social forum”): “di nazionalisti di carta” ce ne sono a volontà, con tutta la loro “bella innocenza” che una mattina li vede “svizzerissimi anti badin”,… ma il giorno dopo (se non anche solo alla sera) li si vede sbraitare “todesch, kartofen, Bira & Fumm Berna merda”. Per poi risvegliarsi un’altra mattina ancora e: l’inno svizzero non si tocca! 
Detto questo, sono molto curioso di vedere come evolverà la situazione in questo Stato quando cominceranno i problemi veri, di cui la Svizzera, per fortuna ed interessi internazionali qua depositati, si è sottratta tenendo lontane due guerre mondiali, creando quindi una ricchezza interna e stabilità senza pari in Europa. Stabilità che non sarà sempre così fortunata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...