Poeti dialettali del Canton Ticino e della Lombardia

Poeti dialettali del Canton Ticino e della Lombardia a cura di Gabriele Alberto Quadri. L’opera, che fa capo al Centro didattico cantonale della Divisione della scuola, comprende testi poetici di una quarantina di autori ticinesi e lombardi, arricchiti da annotazioni biografiche, traduzioni in lingua italiana e diverse note critiche redatte dal curatore.

  

Gabriele Alberto Quadri ha conseguito il brevetto per l’insegnamento dell’italiano e del francese all’Università di Zurigo ed è stato per anni docente nelle scuole secondarie ticinesi. Poeta in dialetto e in lingua, è autore di diverse raccolte di poesie.
Per anni, la cultura dialettale è stata confinata al mondo dell’oralità e del registro minore del comico, filone, quest’ultimo, che prende avvio nel Quattrocento a Bergamo e che, nel Cinquecento storpia i dialetti anziché riprodurli fedelmente. Ciononostante, già a partire dal Rinascimento e fino al Novecento, si fa strada la cosiddetta «linea lombarda», che comprende, fra gli altri, anche autori che non disdegnano esprimersi nella lingua di Dante.
L’antologia pubblicata dal Centro didattico cantonale ha il preciso obiettivo di salvaguardare il bagaglio culturale dialettale, grazie al recupero dell’espressione lombardo-ticinese e grazie a testi che ne esprimono poeticamente la particolare sensibilità e la dimensione affettiva (idillio familiare, domestico e rurale).
Come precisa il prof. Renato Martinoni nella prefazione al testo, la pubblicazione si rivolge principalmente ai giovani, nella speranza che sappiano raccogliere e valorizzare l’importante eredità culturale rappresentata dal dialetto: (…) La prima e necessaria domanda che viene da porsi, davanti a un’antologia intitolata “Poeti dialettali del Cantone Ticino e della Lombardia”, “destinata alle nuove generazioni”, piuttosto “extravagante” dunque, è insomma quella dell’opportunità reale di una simile operazione. Vorranno i ragazzi delle Medie e delle Medie Superiori, e prima ancora i loro docenti, confrontarsi con questi documenti antologici che nella geografia vanno dalle montagne del Ticino alle pianure anche le più discoste della Lombardia, in un continuum che comprende un’area geografica storicamente coesa e culturalmente marcata (almeno nel Novecento, secondo i canoni della cosiddetta “linea lombarda”)? C’è da augurarsi che questo possa avvenire. Ma che succeda nel modo più corretto, lontano cioè dalle banalizzazioni populiste, nel nome di una vera consonanza di sentire tra i giovani lettori e il materiale selezionato. (…)”

FONTE: DECS


LINK: http://www.helveticat.ch/lib/item?id=chamo:1628525&theme=swissbook

LINK SUL DIALETTO LOMBARDO VARIANTE OCCIDENTALE: https://giornaleadula.wordpress.com/2016/01/12/il-dialetto-lombardo-occidentale-linsubria/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...